Voucher telematici: nuove modalità di acquisto

A partire dal 2 maggio 2016 non sarà più possibile acquistare voucher telematici mediante F24 con la causale LACC – Lavoro occasionale accessorio.

 

Da tale data, infatti, sarà possibile utilizzare la suddetta causale LACC nel modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, come previsto dalla risoluzione dell’agenzia delle Entrate n°20/E del 6 aprile 2016.

 

Lo rende noto l’Inps con la circolare n. 68 del 28 aprile 2016.

 

Le modalità di acquisto dei voucher telematici a partire dal 2 maggio e tutte le altre disposizioni operative sono riportate nella circolare.

 

 

Fonte - INPS

Pubblicate le graduatorie Estate INPSieme Italia e Estate INPSieme Estero

Le graduatorie sono consultabili in Concorsi e Gare > Welfare, assistenza e mutualità > Concorsi welfare, assistenza e mutualità > Bandi scaduti Procedura in corso > vedi dettaglio.

 

La posizione in graduatoria è consultabile anche nella propria area riservata.

 

Si avvisa che per i vincitori sarà possibile produrre la documentazione richiesta e indicata dall’art. 8 del bando solo a decorrere dal 5 maggio p.v.; prima di tale data la procedura non permetterà l’acquisizione della documentazione.

 

 

Vai alle graduatorie Estate INPSieme Italia

 

Vai alle graduatorie Estate INPSieme Estero

 

 

Fonte - INPS

Affidamento 900 incarichi a tempo determinato medici esterni

Si comunica che eventuali istanze da parte dei candidati alla selezione per il reperimento di 900 medici, di cui all’avviso pubblicato in data 16 novembre 2015, potranno essere inviate al seguente indirizzo PEC:

dc.risorseumane@postacert.inps.gov.it

Le stesse dovranno riportare in oggetto la seguente dicitura “Istanza selezione per il reperimento di 900 medici”.
Non saranno accettate richieste telematiche trasmesse in modalità diversa dall’invio tramite PEC.

Fonte - INPS

Prosegue la campagna di educazione previdenziale per i giovani con il bus itinerante. Milano la prossima tappa.

Prosegue la campagna di educazione previdenziale rivolta ai giovani “Vivi il presente. Guarda al futuro”.

 

L’iniziativa, realizzata con un bus itinerante adibito a ufficio, con personale specializzato, postazioni informatiche e materiale didattico e informativo, si propone di ampliare la conoscenza delle regole e degli strumenti del sistema previdenziale, per consentire alle nuove generazioni di proteggere e costruire il presente e pianificare il futuro in modo consapevole.

 

La campagna porta l’Inps nei luoghi dove i giovani formano il loro futuro professionale e con il bus sarà presente presso i principali atenei italiani.

 

La prossima tappa del bus sarà Milano con le seguenti soste:

  • 2 maggio presso l’Università Bicocca in piazza dell’Ateneo nuovo, 1
  • 4 maggio presso l’Università Bocconi in via Gobbi, 1.
  • 10 maggio presso il Politecnico di Milano – Campus Di Bovisa-La Masa in via Giuseppe La Masa, 34
  • 13 maggio presso l’Università degli Studi di Milano in via Festa del Perdono, 7

 

Sulla pagina Facebook INPS Giovani è possibile trovare maggiori informazioni e le date dei successivi appuntamenti.

 

 

Fonte - INPS

Modifica degli artt. 16 e 26 T.U. su congedo di maternità in caso di parto prematuro e sospensione del congedo in caso di ricovero del bambino. Modifica dell’art. 24 T.U. su conservazione del diritto all’indennità di maternità

La circolare 69 del 28 aprile 2016 detta le indicazioni operative per l’applicazione delle novità in materia di congedo di maternità, introdotte dal decreto legislativo n. 80/2015 a carattere sperimentale ma che trovano applicazione anche per gli anni successivi al 2015.

 

In particolare, una novità riguarda la durata del congedo di maternità delle lavoratrici dipendenti e iscritte alla Gestione separata, in caso di parti fortemente prematuri, che cioè si verificano prima dei due mesi antecedenti alla data presunta del parto. In tale ipotesi, il congedo di maternità si calcola aggiungendo ai tre mesi post partum tutti i giorni compresi tra la data del parto e quella presunta del parto, superando la durata dei cinque mesi prevista precedentemente.
Gli ulteriori periodi influiscono anche sulla durata del congedo di paternità.

 

Ulteriori disposizioni regolano il rinvio e la sospensione del congedo di maternità in caso di ricovero del neonato. Il decreto legislativo 80/2015 ha ampliato l’ambito di applicazione di tale facoltà, che la lavoratrice può esercitare a prescindere dal motivo del ricovero del neonato, o del minore adottato o affidato, sempreché le sue condizioni di salute siano compatibili con la ripresa del lavoro.

 

Sono fornite istruzioni per l’accreditamento della contribuzione figurativa ai fini pensionistici per dipendenti privati e pubblici e indicazioni operative per il monitoraggio della spesa ed il regime fiscale della prestazione.

 

E’ confermato infine il diritto, della lavoratrice licenziata per colpa grave, a conservare l’indennità di maternità oltre la data del licenziamento.

 

 

Per le istruzioni operative, vai alla circolare n. 69 del 28 aprile 2016

 

 

Fonte - INPS