Osservatorio sulle pensioni ex Enpals e Gestione Dipendenti Pubblici

L’Osservatorio statistico sulle pensioni ex Enpals e della Gestione Dipendenti Pubblici è stato aggiornato con i dati relativi alle pensioni vigenti al 1°gennaio 2016 e liquidate nel 2015.

 

 

Vai all’Osservatorio Gestione Dipendenti Pubblici

 

Vai all’Osservatorio Gestione ex Enpals

 

Vai al comunicato stampa

 

 

Fonte - INPS

Modalità di accesso al part time agevolato per i dipendenti del settore privato prossimi alla pensione di vecchiaia

La Legge di stabilità 2016 ha introdotto un “part-time agevolato” per i lavoratori dipendenti del settore privato, iscritti all’assicurazione generale obbligatoria o alle forme sostitutive o esclusive, che raggiungano il requisito anagrafico per il diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018, con la condizione che abbiano già maturato i requisiti minimi contributivi per il diritto al predetto trattamento.

In particolare il lavoratore titolare di rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato può concordare con il datore di lavoro la riduzione dell’orario del rapporto di lavoro in misura compresa tra il 40 ed il 60 per cento per un periodo non superiore a quello intercorrente tra la data di accesso al beneficio e la data di maturazione, da parte del lavoratore, del requisito anagrafico per il diritto alla pensione di vecchiaia.

Dal punto di vista operativo, la legge di stabilità 2016 prevede che l’accesso ai benefici di cui alla norma in oggetto sia autorizzato dall’Inps, su domanda del datore di lavoro e previo accordo tra le parti, nei limiti delle risorse stanziate dalla legge e sulla base delle modalità stabilite con apposito decreto.

La circolare 90 del 26 maggio 2016 descrive i requisiti e le condizioni per usufruire del beneficio, fornisce inoltre le istruzioni operative per la presentazione dell’istanza.

 

 

Fonte - INPS

Provvedimento del 30 maggio 2016

Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all’articolo 1, comma 491, legge 24 dicembre 2012, n. 228. Stati o territori con i quali non sono in vigore accordi per lo scambio di informazioni o per l’assistenza al recupero crediti ai sensi dell’articolo 19, comma 4, terzo periodo, del decreto del Ministro dell’economia e finanze del 21 febbraio 2013, come modificato dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 18 marzo 2013.

Scarica il documento

Risoluzione n. 43 del 30 maggio 2016

Istituzione del codice tributo per effettuare il versamento all’entrata del bilancio dello Stato dell’importo pari al 20 per cento del patrimonio netto al 31 dicembre 2015 delle banche di credito cooperativo – articolo 2, comma 3-ter, del decreto-legge 14 febbraio 2016, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 aprile 2016, n. 49

Scarica il documento

Bando di concorso Long Term Care: differimento termine per le domande

Pubblicato l’Avviso  di differimento del termine del Bando di Concorso Long Term Care – Ricoveri in Strutture Residenziali (RSA) nella pagina: Home > Concorsi e Gare > Welfare, assistenza e mutualità > Concorsi welfare, assistenza e mutualità > Bandi Nuovi

Il termine per la presentazione delle domande, per il riconoscimento di contributi per il ricovero nelle Residenze sanitarie assistenziali e Strutture Specializzate che prestano Servizi Assistenziali in favore di soggetti che necessitano di “Cure di Lungo Periodo”,  è differito al 6 luglio 2016.

Fonte - INPS

A palazzo Wedekind l’Istituto illustra a una delegazione olandese il sistema pensionistico italiano

Su iniziativa del Presidente Tito Boeri, il 25 maggio, si è tenuto, presso palazzo Wedekind, un incontro con una delegazione olandese composta da rappresentanti degli enti previdenziali, della Banca centrale olandese, dell’Autorità per i Mercati finanziari e del Ministero degli Affari sociali e dell’occupazione.

L’obiettivo degli ospiti, in visita studio in Italia, era conoscere il sistema pensionistico italiano, ritenendo che, nonostante le significative differenze con il modello olandese, sia simile la sfida di salvaguardare la qualità delle prestazioni pensionistiche e la sostenibilità finanziaria del sistema previdenziale, a fronte, in particolare, dell’invecchiamento della popolazione e della crisi economica.

 

 

Fonte - INPS