Fondo PSMSAD: riapertura termini per la Commissione scrittori

È stato pubblicato l’Avviso relativo alla riapertura dei termini per la presentazione della candidatura a membro della Commissione tecnica scrittori del Fondo PSMSAD (pittori, scultori, musicisti, scrittori e autori drammatici).

Le dichiarazioni di interesse dovranno pervenire, a pena di esclusione, entro il 30 novembre 2019 all’indirizzo PEC: dc.invaliditacivilecreditowelfare@postacert.inps.gov.it o tramite posta raccomandata a/r in busta chiusa al seguente indirizzo: INPS – D.C. Sostegno alla non autosufficienza, invalidità civile e altre prestazioni – viale Aldo Ballarin 42 – 00142 Roma.

Fonte - INPS

Bando di concorso per soggiorni presso la casa di riposo di Camogli

È stato pubblicato il bando di concorso per l’ammissione in ospitalità residenziale presso la casa di riposoGiovanni Bettolo” di Camogli (GE).

Possono partecipare alla selezione i pensionati INPS e i titolari di pensione di reversibilità, entrambi appartenenti alla categoria “Previdenza Marinara” (PM) o alla pensione di Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) liquidata con il computo di contribuzione per attività di navigazione.

La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere inoltrata dalla mezzanotte del 4 novembre 2019 alle 23:59 del 31 gennaio 2020.

Fonte - INPS

Mercato del lavoro e dati amministrativi: workshop INPS-Banca d’Italia

Le possibilità di analisi integrate offerte dall’uso dei dati amministrativi si stanno progressivamente diffondendo sia nel contesto nazionale che europeo.

Il 29 novembre 2019 si terrà a Roma un workshop organizzato da INPS e Banca d’Italia dal titolo “Labour market analysis: new opportunities with administrative data”.

L’importante occasione di confronto verterà, quindi, sull’utilizzo dei dati amministrativi finalizzato all’analisi delle tematiche legate al mercato del lavoro.

Il workshop sarà ospitato presso il Centro Convegni “Carlo Azeglio Ciampi” e vedrà la partecipazione di numerosi studiosi. La keynote lecture sarà presentata dal Prof. Johannes Spinnewijn (London School of Economics).

Durante il pranzo è prevista una poster session in cui saranno presentate le ricerche portate a termine all’interno del programma “VISITINPS”.

In allegato il programma del workshop.

Per ogni domanda e per partecipare al workshop, contattare labour_boiinps@bancaditalia.it.

Fonte - INPS

Pagamento pensioni estero: accertamento esistenza in vita 2019 e 2020

Il messaggio 2 novembre 2018, n. 4077 ha confermato le novità relative alle modalità di accertamento dell’esistenza in vita introdotte con il messaggio 30 agosto 2017, n. 3378, con il quale sono descritti i servizi di pagamento affidati a Citibank e le modalità di frazionamento dei pensionati interessati in base all’area geografica di residenza.

Il messaggio 25 ottobre 2019, n. 3884 conferma le istruzioni sull’invio della prova dell’esistenza in vita e informa che Citibank ha avviato il processo di spedizione della lettera esplicativa e del modulo standard di attestazione ai pensionati residenti in Africa, Oceania ed Europa, a esclusione dei Paesi Scandinavi e dei Paesi dell’Est Europa.

Nella lettera è indicato che la restituzione del modulo di attestazione dell’esistenza in vita dovrà avvenire entro il 13 febbraio 2020. Nel caso in cui l’accertamento non sia stato completato entro questo termine, il pagamento della rata di marzo 2020 sarà localizzato presso gli sportelli Western Union per la riscossione in contanti, che costituirà prova dell’esistenza in vita.

Vengono specificate, inoltre, determinate categorie di pensionati escluse dall’accertamento generalizzato dell’esistenza in vita.

Per i pensionati residenti in Australia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti, l’Istituto ha fornito a Citibank una lista di patronati autorizzati ad accedere al portale predisposto, con il fine di attestare telematicamente l’esistenza in vita.

L’Istituto ricorda, infine, che è attivo il Servizio Clienti della banca a supporto di pensionati, operatori di consolati, delegati e procuratori, per fornire assistenza riguardo alla procedura di attestazione dell’esistenza in vita con le seguenti modalità:

  • visitando la pagina web dedicata;
  • inviando un messaggio di posta elettronica all’indirizzo inps.pensionati@citi.com;
  • telefonando a uno dei numeri telefonici indicati nella lettera esplicativa.

Fonte - INPS

Invalidità civile, cecità e sordità civile: liquidazione prestazione

L’INPS, con il messaggio 25 ottobre 2019, n. 3883, fornisce ulteriori elementi utili alla difesa in giudizio e alla liquidazione della prestazione economica per invalidità civile, cecità civile e sordità civile.

Queste ultime istruzioni integrano i precedenti messaggi del 16 luglio 2015, n. 4818 e 8 marzo 2019, n. 968.

L’Istituto chiarisce che il requisito di proponibilità della domanda giudiziale di accertamento delle condizioni sanitarie per ottenere l’indennità di accompagnamento deve considerarsi soddisfatto dalla semplice presentazione della domanda di invalidità civile con allegata la certificazione medica che attesti la natura delle infermità invalidanti.

Pertanto, il funzionario difensore dell’Istituto, nel caso in cui il certificato medico introduttivo sia carente del segno di spunta sulla qualificazione sanitaria “persona impossibilitata a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore” ovvero “persona che necessita di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita”, o nel caso in cui il segno di spunta sia negativo, avrà cura di non sollevare l’eccezione di improponibilità per carenza di domanda amministrativa né di formulare dissenso avverso la perizia definitiva del C.T.U.

Fonte - INPS

Fondo di garanzia e pagamento TFR: chiarimenti

L’INPS fornisce nuove istruzioni e chiarimenti sulla documentazione da presentare per la domanda di intervento del Fondo di garanzia per il pagamento del TFR e dei crediti di lavoro in caso didatoredi lavoro non assoggettabile a procedura concorsuale

Con il messaggio 11 maggio 2016 n. 2084 l’Istituto informava che, tra i documenti da presentare a corredo della domanda di intervento del Fondo di garanzia, ci fosse l’originale del titolo esecutivo in forza del quale si può procedere all’esecuzione coattiva sul patrimonio del datore di lavoro.

Tuttavia, poiché per esercitare l’azione di surroga nei diritti del lavoratore, l’INPS può utilizzare copia conforme del titolo esecutivo unitamente alla quietanza firmata dal lavoratore che ha ricevuto la prestazione, la giurisprudenza di merito ritiene che la richiesta dell’originale in fase di domanda non sia necessaria.

Pertanto, con il messaggio 24 ottobre 2019, n. 3854, l’INPS chiarisce che è sufficiente presentare la copia conforme del titolo esecutivo in base al quale è stata esperita l’esecuzione forzata.

Nel caso di notifica del decreto ingiuntivo dopo la cancellazione della società dal Registro delle imprese, il messaggio specifica, inoltre, le azioni giudiziali che il lavoratore deve intentare prima di aver accesso al Fondo di garanzia.

Fonte - INPS

Aspettativa sindacale e contribuzione aggiuntiva: chiarimenti

L’Istituto, con la circolare INPS 4 ottobre 2019, n. 129, ha proceduto alla ricognizione normativa e operativa riferita alla gestione e valorizzazione ai fini pensionistici della contribuzione aggiuntiva a favore dei lavoratori collocati in aspettativa o distacco sindacale.

Con particolare riferimento alla contribuzione aggiuntiva per gli iscritti ai fondi esclusivi (comprensivi della Gestione Dipendenti Pubblici) e ad alcuni fondi sostitutivi gestiti dall’INPS, nella circolare si precisa che la valorizzazione della stessa ai fini pensionistici viene realizzata non solo per la determinazione della cosiddetta quota B di pensione, ma anche ai fini della determinazione della quota A.

Per questi lavoratori, ai fini dell’individuazione in termini generali e in via preventiva degli emolumenti che rilevano anche ai fini del computo della cd. quota A di pensione, occorre che gli stessi soddisfino entrambi i caratteri della “fissità” e “continuità”.

Con il messaggio 25 ottobre 2019, n. 3872, l’Istituto fornisce ulteriori chiarimenti in merito a una più puntuale individuazione dei requisiti e dell’arco temporale di conferimento degli incarichi che può essere valorizzato.

Nel messaggio sono precisate, inoltre, alcune modalità operative di liquidazione pensionistica riguardanti gli iscritti alla Gestione pubblica e i rimandi normativi per la gestione in posizione assicurativa dei periodi interessati dalla contribuzione aggiuntiva.

Fonte - INPS